LA COMMISSIONE EUROPEA RICONOSCE IL RUOLO DELL'AGRICOLTURA NELLE AREE PROTETTE.

La Commissione agricoltura del P.E. approva documento che recepisce anche le proposte di Federparchi ed Europarc

La Commissione agricoltura del Parlamento Europeo ha varato la relazione Dorfman sulla Pac 2020-2027.  Federparchi esprime  soddisfazione in quanto la Commissione ha approvato emendamenti migliorativi  elaborati su proposte di Federparchi ed Europarc. Per la prima volta in un testo PAC viene riconosciuto  il ruolo delle aree naturali protette per una agricoltura sostenibile.  Tra questi un emendamento che, testualmente, sottolinea l’importanza delle iniziative: “al fine di generare reddito da attività diversificate e complementari come l'agriturismo o il partenariato tra agricoltori e altri attori che gestiscono aree rurali protette “. La relazione Dorfman  passa ora all’aula  è dovrebbe avere presto via libera.

“Il documento – afferma il Presidente di Federparchi Giampiero Sammuri - contiene importanti orientamenti: mitigare gli effetti dei cambianti climatici; eliminare la pressione di vecchie attività agricole sulle risorse naturali; assicurare la sicurezza alimentare sia come autosufficienza degli approvvigionamenti che come salubrità dei cibi.  E conseguentemente differenziare il ruolo degli agricoltori anche come gestori degli ecosistemi e degli habitat.  Sul ruolo dell’agricoltura nelle  Aree Protette – prosegue Sammuri  - ringraziamo l’on Paolo De Castro per aver raccolto la nostra proposta e speso in modo efficace la sua autorevolezza per la sua approvazione. Un  riconoscimento va anche all’on. Enzo Lavarra, nostro rappresentante nel Board di Europarc, per il lavoro specifico svolto.”