LA VILLA DI TIBERIO MUORE NELL'INDIFFERENZA GENERALE

Il viaggio impietoso di Luca Nannipieri nell’Italia dell'arte dimenticata.
E' in libreria “Bellissima Italia! Splendori e miserie del patrimonio artistico nazionale” di Luca Nannipieri, edito da Rubbettino e Rai Eri
Sperlonga. Scena di mezz’estate: spiaggia assiepata di ombrelloni e bambini vocianti. Un tendone da bar preso d’assedio dai bagnanti in cerca di refrigerio… poco più in là invece muore tra il silenzio e la noia la villa dell’Imperatore Tiberio che ospita una delle più straordinarie meraviglie del mondo: un gigantesco gruppo scultore del II secolo a.C. che mostra Ulisse e si suoi compagni che accecano Polifemo. Ma la villa di Tiberio non è l’unico luogo straordinario e dimenticato in cui ci conduce Luca Nannipieri in questa sorta di splendido viaggio che è “Bellissima Italia. Splendori e miserie del patrimonio artistico nazionale”, libro edito da Rubbettino e Rai Eri, da oggi in libreria. C’è lo stupendo Palazzo Farnese a Caprarola, l’anfiteatro di Sutri, il convento agostiniano di Nicosia a Calci, abbandonato e pieno di calcinacci; quello che rimane delle superbe terme del Corallo di Livorno (gioiello liberty lasciato in balia dei vandali) o il malvalorizzato Tempio di Portuno a Roma, circondato da cumuli di spazzatura… un viaggio a tratti impietoso da Nord a Sud alla ricerca dell’Italia bella, anzi bellissima, e (quasi) perduta.
Chiese, abbazie, palazzi affrescati, fontane, piazze… ogni città o paesino d’Italia nasconde tesori d’arte che dovrebbero raccontarci non solo il nostro passato ma anche la nostra identità.
Ecco allora che guardare, conoscere, scoprire il patrimonio artistico dei luoghi in cui viviamo ci fa comprendere quanto possediamo in bellezza e splendore e quanto stiamo perdendo in un violento degrado e cupo disinteresse. Il libro di Nannipieri diventa dunque un viaggio misto a stupore e indignazione tra le grandezze e le nefandezze dei luoghi d’arte di storia del Bel Paese che siamo chiamati a custodire a beneficio delle generazioni future.
Un libro dunque che potrebbe accompagnare le vacanze di molti di noi, aiutandoci a scoprire che spesso, oltre ai siti storici, artistici e archeologici “blockbuster” c’è anche una bellissima Italia che aspetta solo di essere scoperta, ammirata e difesa.

Luca Nannipieri, saggista, cura la rubrica "SOS Patrimonio Artistico" del Caffè di RaiUno. Scrive di arte e di cultura su Panorama e Il Giornale dopo aver collaborato con Libero, Europa e con il Corriere della Sera. Partecipa spesso, come esperto d'arte ai programmi di La7, Canale5 e Sky TG24. Con Rubbettino ha pubblicato Libertà di cultura e Arte e terrorismo.
 

Tags: