VACCINI, COMPLOTTI E PSEUDOSCIENZA

da C1V Edizioni un libro per comprendere i meccanismi che alimentano fobie e disinformazione e favorire una nuova consapevolezza
Il testo fa parte della collana “Scientia et Causa”. Prefazione di Silvio Garattini

Com'era il mondo prima dei vaccini? E come sarebbe senza? Quali meccanismi della mente favoriscono la resistenza delle false credenze contro i vaccini anche di fronte a spiegazioni e dati scientifici? Quali possibili strategie di comunicazione per sdradicare i falsi miti e facilitare la copertura vaccinale? E poi: come riconoscere l'informazione seria da quella pseudoscientifica e complottista spesso  amplificata dall'uso di Internet? Queste e altre domande trovano risposta nel libro “Vaccini, complotti e pseudoscienza. Tra fobia, disinformazione e consapevolezza”, un testo a carattere divulgativo scritto da autori vari, a cura di Armando De Vincentiis, prefazione di Silvio Garattini, pubblicato dal Gruppo C1V Edizioni. Un testo nato nel 2015 ma sempre attuale, anche alla luce del documento che la federazione nazionale degli Ordini dei medici, la Fnomceo, ha di recente approvato all'unanimità per sottolineare la necessità di promuovere la vaccinazione.

Nella sua prefazione al libro, il professor Silvio Garattini, direttore dell'Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri” di Milano, dichiara: “E' veramente difficile capire questo attacco condotto da vari gruppi o associazioni nei confronti delle vaccinazioni. I vaccini sono uno dei principali vanti della ricerca di tutti i tempi. Sono farmaci relativamente poco costosi e ben tollerati che agiscono sulla grande maggioranza dei pazienti con effetto che dura nel tempo. [...]” .

Il libro è nato subito dopo le preoccupazioni che a ottobre del 2015 l'Istituto superiore di sanità ha espresso rispetto al calo delle vaccinazioni in Italia. In centocinquanta pagine si affrontano molti aspetti per fare chiarezza sul tema: i meccanismi psicologici che favoriscono gli atteggiamenti culturali di sospetto verso la scienza medica, i progressi storici della medicina in materia di vaccinazioni, il punto di vista del pediatra, le possibili strategie di comunicazione per contrastare i falsi miti degli antivaccinisti. E ancora: il “caso Wakefield”, cioè la clamorosa “bufala” del rapporto tra autismo e vaccini, e poi la definizione dei criteri per distinguere l'informazione scientifica seria e credibile da quella pseudoscientifica.

Il tutto viene affrontato con il contributo di diversi autori: Sergio Della Sala, neuroscienziato dell'Università di Edimburgo e presidente del Cicap; Sara Pluviano, psicologa;  Armando De Vincentiis, psicologo e consulente del Cicap; Paolo Attivissimo, giornalista informatico e consulente del Cicap; Giovanni Ragazzini, pediatra. E ancora: Irene Maja Nanni, Alessandra Iero, Erica Repaci, Silvia Licciulli, Assunta Croce, Maddalena Donzelli e Federico Forneris tutti dell'Associazione internazionale dei ricercatori italiani Airicerca. E poi: Edoardo Altomare, medico e divulgatore scientifico; Cristina Da Rold, giornalista scientifica; Silvano Fuso, chimico e socio del Cicap.

La pubblicazione è la prima nata della collana “Scientia et Causa”, uscita dal Gruppo C1V Edizioni e curata da Armando De Vincentiis. Si tratta di una serie di saggi orientata alla divulgazione della scienza in risposta alle pseudoscienze e alla disinformazione e che ha al suo attivo il contributo di numerosi esperti, tra questi: il giornalista e divulgatore scientifico Piero Angela e Giorgio Dobrilla, primario emerito all'Ospedale di Bolzano, già docente di Metodologia Clinica all'Università di Parma, e consulente medico del Cicap.   

“Il saggio dedicato ai vaccini è in linea con l'idea di fondo della nostra casa editrice: l'idea del libro come strumento di crescita culturale e sociale; uno strumento che in questo caso può contribuire a promuovere il valore della divulgazione scientifica e la cultura della scienza in Italia per frenare la malainformazione ascientifica e l'oscurantismo”, dichiara l'editrice del Gruppo C1V Edizioni, Cinzia Tocci.

Il libro si può richiedere in libreria, ma anche direttamente al negozio online Shoppy di C1V Edizioni al sito www.c1vedizioni.com; inoltre è possibile ordinarlo tramite l'indirizzo di posta elettronica     c1vedizioni@gmail.com.  

Le origini del Gruppo C1V Edizioni risalgono al 2008, quando Cinzia Tocci fonda la casa editrice romana “Edizioni C'era una volta”, con un'idea che sarà una costante: il libro, come la fiaba, per la crescita personale e sociale. Da qui i progetti a carattere benefico associati a diversi testi, come ad esempio quelli per bambini della collana C'era una volta Kids.
“C'era una volta Edizioni” è invece il marchio dei libri a carattere sociale per adulti e adolescenti: anche in questo caso non mancano iniziative di solidarietà.
Promuovere la cultura scientifica per la crescita sociale è poi l'obiettivo della collana di divulgazione scientifica “Scienza et Causa”, nata nel 2015 e caratterizzata dal contributo di esperti su temi di grande attualità.
Dal 2015 la casa editrice diventa “Gruppo C1V Edizioni” ampliando il proprio campo di attività: oltre ai libri e agli eventi si aggiungono la formazione e il debutto in ambito cinematografico come principale sponsor del film “Bomba libera tutti”, da cui è nato il libro “1 dei tanti”.
Oggi, come da sempre, la categoria di appartenenza del Gruppo C1V Edizioni resta quella delle case editrici non a pagamento.

 

 

 

 

Tags: